Abbiamo 1294 visitatori e nessun utente online

I miei libri

Mariani Andrea
Presentazione

Andrea Mariani nasce nell’anno 1977. Viene alla luce allo scoccare della mezzanotte tra le pareti umide di una sala parto satura di vapori solfurei.
All’età di sette anni si rende conto che il mondo assomiglia a un’enorme roulette russa fuori controllo, così decide di munirsi di carta e penna e trasformarsi in un bohémien votato alla perdizione.
Affronta gli studi classici con la morte nel cuore, finendo col diventare un saccente cultore di musica Grunge. Si laurea in giurisprudenza in una Sacra Università di Milano, improvvisando le sue prime arringhe in fumosi cortili frequentati da sparuti individui sotto metadone.
Vorace lettore, teme di aver contratto una rara forma d’insana dipendenza che lo porterà in breve tempo alla cecità. Adora Irvine Welsh, Jonathan Carroll, Stephen King e Niccolò Ammaniti ma non disdegna la lettura di sconosciuti autori emergenti pronti ad arricchirlo di fresca linfa vitale.
Eclettico adoratore delle arti espressive, non passa giorno senza che finisca col tormentare la sua sei corde, collezionando canzoni
autoprodotte che spera possano finire postume negli annali della storia del rock.

 

INTERVISTA VIRTUALE ANDREA MARIANI

 

  1. Tre aggettivi per descriverti (di cui uno negativo).

  Misantropo

  Filantropo

  Schizofrenico

 

  1. Il tuo sogno e il tuo incubo.

  Sogno di non avere incubi che mi facciano rimpiangere di non avere sogni.

 

  1. Sei uno scrittore. Chi te lo fa fare?

  Lo scrittore è un collezionista di parole.

  Le parole sono farfalle che non vogliono farsi catturare.

          Ergo: sono solo un collezionista di farfalle rare.

 

  1. Quel che vorresti essere o non essere.

  Vorrei essere quello che non sono per diventare quello che sono.

 

  1. Sei invidioso?

  Invidio il tizio che ogni giorno prende in affitto il mio corpo e lo porta in giro in cerca di un’illusione.

 

  1. Amori e odi letterari. Alla voce “odi” non citare solo gente defunta.

          Adoro Irvine Welsh, Jonathan Carroll, Chuck Palahniuk e Niccolò Ammaniti.

          Odio gli stessi autori per la loro bravura.

 

  1. L’artista che ami e quello che odi. Idem come sopra.

  Amo Kurt Cobain per quello che mi ha dato.

          Odio Kurt Cobain per quello che mi ha tolto.

 

  1. Quanto pensi di valere? Rispondi in scala da 1 a 10, se preferisci con discorso articolato.

Tanto oro quanto peso (se non fossi leggero come una piuma).

 

  1. Cosa pensi dell’amore? (Rispondi a parole tue)

  La domanda giusta sarebbe: cosa pensa di me l’amore? Ma non credo di meritare tanto.

 

  1. Qual è la tua posizione preferita a letto, per dormire?

  La posizione del morto (occhi chiusi, braccia incrociate sul petto e un rosario tra le dita).

 

  1. La qualità che preferisci in una persona?

  Una buona dose di umorismo.

 

  1. ll paese dove vorresti vivere o quello in cui vorresti morire?

  Francia.

          Svizzera (dove l’eutanasia non manca).

 

  1. Hai un eroe o supereroe di riferimento?

  Gesù, il primo hippy della storia con manie suicide.

 

  1. Preferisci una notte d’amore stupenda con il partner ideale o essere invitato a Che tempo che fa?

Una notte d’amore trasmessa in diretta su Che tempo fa.

 

  1. Cosa hai pubblicato?

  Ossarotte (2011)

  Rollercoaster (2013)

  Dove hai dormito la notte scorsa? (2014)

  Dietro l’ombra del clown (2016)

  Sporchi affari di condominio (2019)

 

  1. Lasciaci con una citazione o con una parola.

Se gli occhi guardano in avanti in attesa del domani... il culo resta ancorato al passato, geloso di un giorno non dimenticato... (farina del mio sacco).

Specifiche