Abbiamo 1694 visitatori e nessun utente online

Silvia Grifoni
ANEURIN

ANEURIN
SINOSSI

Inghilterra, XIX secolo. Aneurin è un giovane che ha paura del mondo e della gente. Seppur bello come un angelo subisce gli effetti di una malattia e soffre una condizione fisica particolare che lo fa sentire diverso e sempre come in attesa di salire due scalini mancanti. E' questa la distanza immaginaria che lui percepisce fra sé e tutti gli altri. Sogna un mondo migliore, pieno di poesia e di alti ideali, dove vi sia posto soprattutto per i diversi e per chi vive ai margini. Un mondo fatto tutto a modo suo. Lo cerca nei miti, nei versi dei grandi e nei significati nascosti e nei significati nascosti dietro alle piccole cose. Ma il destino cambia le sue giornate solitarie costringendolo a lasciare l'amata fattoria dove è cresciuto e a raggiungere un piccolo paese di pescatori affacciato sul mare del Nord, dove dovrà insegnare nella prima classe della scuola elementare. In questa nuova realtà cambierà vita e farà la conoscenza di un particolare gruppo di persone. Ognuna di queste, nel suo genere e a suo modo, saprà aiutarlo a scoprire possibilità che non credeva di avere, a provare sentimenti che non pensavo di poter vivere e a cambiare occhi in un viaggio nel quale saranno tutti compagni.

PRIMO CAPITOLO

E per iniziare... Mi è stato più volte ripetuto, da una persona di mia conoscenza, che l'Incipit di un romanzo è di vitale importanza per la riuscita dello stesso. Ed io ho così deciso di iniziare questo mio chiedendo subito scusa a tutti coloro che avranno il coraggio di leggerlo. E non è che voglia cominciare così per pararmi le spalle, anche se a dire il vero non sarebbe una cattiva idea,ma perché questa è principalmente un'opera introspettiva, riflessiva, poetica, romantica e ricca di riferimenti personale e privati. Per cui prego tutti di scusarmi per tutte quelle parti che vi sembreranno noiose, ripetitive, ridondanti, e vergognosamente intime. Non me ne vogliate! L'ho scritta di getto e con il cuore in mano. In questo libro vi saranno oggetti e situazioni che si ripresenteranno fino allo sfinimento e vi prego quindi di tenere a mente e ricordare fin da ora: il gradino scricchiolante di una scala di legno. Occhi di bambino con tutto il mondo dentro. Un libro sul linguaggio dei fiori. Barchette costruite con gusci di ghianda. Un vecchio atlante con le cartine ingiallite. Viaggi fantastici. Un barattolo di marmellata dal colore e sapore indefinito. Libri, poesie, fantasia e più di tutto, mi raccomando... ... due scalini da sempre mancanti. Perché è con tutti questi ingredienti, più un'infarinatura di cara e vecchia Inghilterra, che è iniziata, si è condotta e sta procedendo tutta quella meravigliosa avventura che è la mia vita, che ovviamente a breve inizierò a narrarvi con dovizia di particolari. Siete inoltre pregati di familiarizzare con il concetto di "andare in altalena" perché vi troverete spesso a salire fra aulici e poetici concetti e subito dopo a scendere a precipizio in situazioni di imbarazzante quotidianità. Aggiungo ancora che dedico questa mia lunghissima riflessione a tutti voi, ma in modo particolare a tutti quei giovani che sono alla ricerca di un posto nel mondo perché, quello che vado a raccontare dal prossimo capitolo, non è che il resoconto di come io abbia fatto a trovare il mio. Anzi per l'esattezza di come sia riuscito a trovare tutto un altro mondo. Il mio mondo. Quello fatto a modo mio. Buona lettura ai coraggiosi! Aneurin

Specifiche

Esiste una versione Ebook?

si

Prezzo Ebook

€ 2,99

Visita il profilo di

Share this product