Abbiamo 1813 visitatori e nessun utente online

Alice Silvia Morelli
Riderò come se non avessi mai pianto

Riderò come se non avessi mai pianto
SINOSSI

Alice è uno scarabocchio in fondo ad un cestino, senza senso e né destino. Lettere ingarbugliate che se razionalizzate, ancor di più le ammazzate. Ecco chi è Alice, una bambola di carta, frase sconnesse ed inchiostro sbiadito. Quando un bel dì, un tenero gattino fece cadere quel pallino cosi ruzzolando, cambiò il destino, un enigma da decifrare, frase sconnesse e colla tra le dita, ci voleva coraggio per dare un senso a quel foglio accartocciato, ma il dolore non riusciva a frenare. Allora decise che per guarire, i primi passi doveva fare. Forse delle lacrime posson bastare, ma si sa che l’acqua al foglio fa male. Così riprese e da lì inizio a capire che la cosa più brutta che nessuno vuol fare è mettersi nudo e confessare. Lei non aveva paura, dritta e stirata voleva tornare. Ma quelle frasi non riusciva a capire, inchiostro rosso e colla tra le dita, che sarà mai tutta questa fatica? Quello che è stato ormai è andato, se ti diranno che sei sgualcita,fai un sorriso, non farci caso questa è la vita. Se volete sapere come è finita, leggetela in strofe è la mia vita .

Alice Silvia Morelli di origine palermitane, vive a Bologna, sin da giovanissima inizia a comporre poesie e pensieri che riflettono il tessuto sociale che la circonda. Per un lungo periodo interrompe questa sua vocazione, per riprenderla di recente, mostrando maturità e coinvolgimento emotivi ma al tempo stesso molto razionali. Nel 2017, patrocinata dal Comune di Bologna, presenta la sua prima raccolta di poesie Riderò come se non avessi mai pianto raccolta contro il femminicidio, ispirandosi a fatti reali, intervistata dalla scrittrice Marcella Nigro. Nel 2018, patrocinata dalla Regione Emilia Romagna si propone nel corso di un salotto letterario dal titolo “Passioni e Pregiudizio”, dove espone altri suoi scritti affrontando anche i temi dell’omofobia e dell’adolescenza. Pubblica una parte di poesie per edizione “Pagine” dal titolo Ispirazioni, in seguito sempre per edizione “Pagine” con il titolo Emozioni. Alice Silvia Morelli continua ad alimentare e nutrire la passione per la letteratura, trasmettendo al lettore l’amore per la vita e quanto essa quotidianamente esiga amore da noi. 

PRIMO CAPITOLO

Prefazione

Le Poesie rappresentano terreno fertile per ognuno di noi.
Tutti ci siamo cimentati da adolescenti scrivendo i nostri sentimenti perchè nessuno era in grado di comprenderli.
Crescendo le poesie sono state quelle imparate a memoria a scuola: incomprensibili, noiose e lunghissime.
Da adulti le poesie rimangono le frasi nei biglietti dei cioccolatini o nei biscotti della fortuna.
Alice, invece, ha un dono: le sue poesie sono la nostra quotidianità. Rappresentano i fatti nudi e crudi, dalle mille sfumature, li sentiamo sulla pelle, sono nostri, rappresentano i nostri affanni e le nostre speranze.
L’autrice tratta argomenti che fanno arrovellare le budella, fanno riflettere, scavano nel nostro essere: nell’anima e nel corpo.
Alice ha la capacità di avvicinare alla poesia, senza mezzi termini ma anche con estrema sensualità.
I suoi versi sono un dolce veleno che preso a piccole dosi può essere la cura alla nostra miseria umana.

Marcella Nigro

Specifiche

  • Prezzo: 10
  • Pagine:: 180
  • Anno pubblicazione: 2019
  • ISBN: 978-88-6810-367-5

Visita il profilo di

Share this product